Centri sportivi Roma

Praticare lo sport non fa bene solo al fisico ma anche alla nostra mente e per questo deve essere considerato un diritto di tutti.

Partecipare ad un’attività sportiva è indispensabile per lo sviluppo della personalità e per imparare a conoscere sé stessi. Ma non è tutto: lo sport sono i valori, l’integrazione sociale e lo sviluppo di molte capacità cognitive.

Questo vale soprattutto per le persone disabili per le quali lo sport assume un significato che va oltre anche tutti i benefici legati al puro benessere fisico.
Lo sapevate che l’attività sportiva per disabili è una pratica del tutto recente?

La sua storia inizia solo nel 1944 in Inghilterra nel centro di riabilitazione motoria del piccolo villaggio di Stoke Mandeville. Il Dott. L. Guttmann fu il primo a rendersi conto dell’importanza della sport- terapia nei pazienti patologici.

La presenza ancora consistente di molte barriere architettoniche nelle città non ha impedito negli anni il diffondersi di impianti sportivi dedicati alle persone disabili.

Con la nascita dei giochi paralimpici del 1960 da cui poi il nome paraolimpiadi nel 2004, la pratica sportiva tra le persone disabili ha assunto sempre più rilevanza al punto da rendere accessibili molti impianti sportivi tramite un’apposita riedificazione.

Il CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), grazie alla delibera 1379 del 2008, ha fissato i requisiti necessari che devono essere rispettati.  Sia durante la ristrutturazione di un centro sportivo che nella progettazione di nuovi edifici ai fini dell’abbattimento delle barriere architettoniche

Un passo decisamente importante per poter permettere a tutti di accedere alle attività sportive o per lo meno di poter frequentare i luoghi ad esse dedicati.
Quali sono i migliori impianti sportivi per disabili a Roma? Scopriamoli insieme!

Centri sportivi Roma e CONI: le regole per gli impianti sportivi accessibili ai disabili 

Regole Impianti sportivi disabili

Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano è un’istituzione pubblica nata nel 1914 ed è l’ente responsabile della gestione delle attività sportive nazionali.

Il 25 Giugno 2008 il Consiglio Nazionale del CONI ha approvato le norme per l’impiantistica sportiva con la deliberazione n.1379.

Con la deliberazione di queste norme sono stati fissati i requisiti minimi, sia qualitativi che quantitativi, da rispettare nel momento in cui venga costruito un nuovo impianto sportivo oppure nella sua riedificazione.

Quali sono gli impianti che aderiscono a questa regolamentazione? Tutte le strutture regolamentate dalle Federazioni Sportive Nazionali e dalle Discipline sportive Associate.

La norma include diversi parametri tra cui il superamento delle barriere architettoniche all’interno degli edifici dedicati allo sport.

Impianti sportivi accessibili a tutti: 8 punti importanti nelle normative emanate dal CONI 

  1. Deve essere garantita l’accessibilità agli impianti per le persone diversamente abili (DA) 
  2. Ogni centro sportivo deve essere dotato di aree di parcheggio riservate ai disabili e in prossimità degli ingressi e delle uscite.
  3. Gli spogliatoi devono essere accessibili e fruibili dagli utenti disabili.
  4. Il locale di primo soccorso deve essere munito di un WC per persone diversamente abili.
  5. Almeno un servizio Igienico negli spogliatogli delle donne e degli uomini deve essere accessibile alle persone DA.
  6. Le docce devono essere fruibili alle persone disabili e il posto doccia deve essere dotato di sedile ribaltabile. Anche l’asciuga capelli deve essere posizionato in modo tale da poter essere utilizzato anche dalle persone disabili.
  7. Nei grandi centri sportivi, le zone destinate agli spazi per il pubblico (ad esempio spalti) devono essere attrezzate anche per la movimentazione dei diversamente abili.
  8. Nelle piscine deve essere garantito l’accesso anche ai disabili.

Come potete immaginare queste sono solo alcune delle normative che ogni edificio dedicato all’attività sportiva dovrebbe rispettare. Per chi è interessato al tema, consigliamo di leggere l’intero quadro normativo emanato dal CONI.

Sappiamo bene che non proprio tutti gli impianti sportivi sono dotati delle giuste precauzioni affinchè ogni spazio possa essere accessibile anche ai disabili.

Sono molti gli edifici che per un motivo o per un altro non rispondo in modo completo alle esigenze di chi necessita attenzioni particolari, impedendo quindi ad alcune persone lo svolgimento dell’attività sportiva che come abbiamo precedentemente ricordato, è un diritto di tutti.

Non vi allarmate: tanti altri impianti, invece, rispettano perfettamente le regole deliberate per l’accessibilità dei disabili.

Perciò se vivete nella capitale e siete alla ricerca di un centro sportivo adatto alle necessità delle persone diversamente abili, vi suggeriamo alcuni degli impianti sportivi più attrezzati di Roma

4 Centri sportivi a Roma per disabili

 

centri sportivi di Roma

La capitale, sede Comitato Olimpico Nazionale Italiano, non poteva non disporre di alcuni degli impianti sportivi più attrezzati del nostro paese. Se stai cercando un centro sportivo che abbia le giuste accortezze per poter ospitare persone diversamente abili e vuoi andare sul sicuro, abbiamo preparato una lista dei centri sportivi per disabili tra i migliori di Roma!

1.Circolo Canottieri Aniene

Nato ai piedi del lungotevere Romano, il Circolo Canottieri Aniene è uno dei più antichi della città. Pensate che fu fondato nel 1892, più di 100 anni fa! Nonostante la sua età, questo circolo è sempre riuscito a stare ai passi con i tempi garantendo ad oggi piena accessibilità anche alle persone disabili.

Nel 2011 il circolo ha inaugurato il 1°corso di canottaggio per disabili in un’iniziativa completamente gratuita. Sempre nello stesso anno, in accordo con il Comitato Regionale Paralimpico, il Circolo Canottieri Aniene ha avviato il 1° corso di avviamento all’attività agonistica natatoria per atleti diversamente abili.

Ma non solo nuoto e canottaggio: per i disabili ci sono molti altri corsi tra cui paraciclismo, tiro con l’arco e rowing.

2. Madonnetta Fitness Club

Situato tra la zona di Casal Palocco e Acilia, questo circolo rappresenta un’eccellenza nell’attività sportiva per i disabili. Non è solo una grandissima area verde in cui è piacevole anche solo passare una bella giornata di sole ma è l’unica associazione attiva, nella Regione Lazio, per la pratica del tennis in carrozzina.

Oltre al tennis anche il nuoto per le persone disabili è un must per la Madonnetta Fitness Club che organizza anche campionato Regionali per gli sportivi diversamente abili.

3. Tre Fontane

Questo circolo ospita una vera e propria “Cittadella dello sport per disabili”, un posto incredibile ed un’iniziativa forse unica nel suo genere (ancora per poco). Avete capito proprio bene! Si tratta di una superficie di 51.000 mq completamente dedicata alle attività sportive dei diversamente abili.

Qui è possibile praticare moltissimi sport tra cui: tennis, nuoto, tennis da tavolo, scherma, atletica, danza moderna e tanto altro!

4. Gruppo sportivo Santa Lucia

La Fondazione Santa Lucia non è esattamente uno centro sportivo ma piuttosto un centro di riabilitazione.

Allora, giustamente, vi starete chiedendo il motivo per cui si trova nell’elenco dei centri sportivi per disabili a Roma. Nel 1960 il Gruppo sportivo Santa Lucia inaugurava le prime attività all’aperto, vedendoci chiaramente lungo sulle capacità riabilitative della sport-terapia. Ad oggi la fondazione promuove attività sportive per i diversamente abili formando delle squadre competitive anche al livello nazionale. Tra gli sport praticabili tiro con l’arco, scherma, atletica leggera, nuoto, tennis tavolo, basket.

Chiaramente questi centri sportivi non sono gli unici ad avere questi servizi e soprattutto ad avere una struttura che permette l’accesso anche ai disabili. Sono, però, alcuni dei centri sportivi che hanno un’ampia area dedicata allo sport per i diversamente abili.

Abbiamo visto che c’è una regolamentazione ben precisa su come devono essere attrezzati gli impianti sportivi, mostrando anche qualche esempio. Abbiamo già trattato il tema delle barriere architettoniche nelle città, arrivando alla conclusione che c’è ancora molta strada da fare ma fortunatamente ci sono anche belle iniziative come quella della Cittadella dello sport per disabili.

L’attività sportiva dei bambini (ma non solo) rientra sicuramente tra gli impegni quotidiani della famiglia e non sempre è facile dividersi tra il lavoro e le corse in macchina. Specialmente quando si tratta di necessità più complesse come quella di accompagnare una persona diversamente abile presso una struttura sportiva. Liane è felice di aiutarvi! Il nostro servizio di accompagnamento assistito copre anche situazioni analoghe grazie alla professionalità dei nostri collaboratori pronti a far fronte ad ogni tipo di situazione.

Se non sai come accompagnare tuo figlio nell’unico centro sportivo della zona che risponde alle esigenze dei diversamente abili, puoi affidarti a Liane!

Che sia a piedi, in macchina o in autobus, Liane è un servizio di accompagnamento per ogni bisogno!

Scarica l’App, registrati con pochi e semplici passi, indicaci un orario e un luogo, scegli l’assistente che preferisci e ti verremo a prendere!

Dai una tregua al tuo tempo, scegli Liane e al resto ci pensiamo noi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *